Benvenuto alla sesta parte del nostro programma di 21 giorni

OSHO: Meditazione per persone indaffarate
Strategie per alleviare lo stress di chi non ha tempo per meditare.

INTRODUZIONE
Le persone indaffarate hanno menti trafficate. Cosa ovvia, potresti pensare; di certo, per essere impegnato la tua mente dev’essere attiva; pertanto sei stressato, bloccato nella testa, con pensieri che turbinano. Ma non dev’essere necessariamente così; esiste un tipo di mente diversa, la nonmente, uno stato di consapevolezza in cui è possibile essere attivi nel mondo, ma senza alcuna frenesia.
La meditazione ti può mostrare in che modo creare silenzio e centratura, come allontanarti dall’attività della mente, come cambiare il modo in cui ti coinvolgi nella vita di tutti i giorni.

Oggi, Osho parla di come andare oltre la mente, nella nonmente. La mente è l’ego, la personalità, ciò che è illusorio. La nonmente è consapevolezza, la mente cosmica, l’universale.

 

OSHO TALK – Le parole di Osho

La mente è il problema e la mente è anche la soluzione.
La mente in quanto ego è il problema. La mente senza alcun ego è la soluzione.

Ragion per cui il sentiero consiste nella comprensione della mente e del suo funzionamento. La mente egoica vuole tenersi costantemente occupata: quello è un suo modo per ingannarti. Ti tiene così occupato che non hai il tempo per guardare all’interno.
Qualsiasi occupazione è estroversa. Guardare all’interno significa essere privi di occupazioni. Non esiste alcun tipo di occupazione interiore; e se sei occupato anche rispetto alla dimensione interiore, sappi che ti stai ingannando.

Qualsiasi occupazione è non-meditativa. Questa è la prima cosa da comprendere se davvero voi andare al di là della mente – la cosiddetta mente ordinaria – e raggiungere l’universale.
La prima lezione è questa: impara come non essere occupato, anche solo per qualche istante. Una semplice assenza di impegni, all’interno o all’esterno, perché sono tutte attività esteriori, perfino le presunte occupazioni interiori. Nessun impegno… e sei immediatamente al di là della mente.

La mente comune vuole sempre qualcosa da fare. Qualsiasi attività va bene; prendere un impegno, una meta, qualcosa da conquistare: denaro, potere, prestigio. E se sei stanco di tutte quelle cose, allora la meditazione, il paradiso, la verità; ma di nuovo stai sostituendo le vecchie mete con nuove conquiste, le vecchie ambizioni con nuove ambizioni. Nulla di radicale è cambiato: resti lo stesso di sempre, la tua gestalt resta identica, cambia solo l’oggetto.

La mente è astuta. Sii consapevole che può esistere solo quando sei impegnato, quando sei indaffarato. Quando sei libero da qualsiasi impegno evapora, non può esistere senza nulla da fare. Ecco perché la gente è indaffarata perfino senza avere impegni precisi!
Ma quello è proprio il senso della mente: un costante affaccendarsi, giorno e notte. Se sei sveglio sei impegnato, se dormi sei impegnato; potresti sognare, ma c’è sempre qualcosa da fare!

La mente non ti lascia neppure qualche istante di cielo limpido, sgombro da nuvole, così che tu possa vedere la realtà per ciò che è. Tiene i tuoi occhi offuscati, pieni di polvere: la polvere del desiderio, la polvere del pensiero, la polvere della memoria, dell’immaginazione. E questi strati su strati di polvere hanno coperto completamente la tua consapevolezza simile a uno specchio, in grado di riflettere ogni cosa.
La mente ti tiene sempre altrove, non ti permette mai di essere quieora, perché essere quieora significa essere privi di occupazione. Quella è la seconda lezione che si deve imparare.

Da qui l’insistenza di tutti i Buddha a vivere nel presente, essere presenti al presente. La mente può restare occupata solo nel passato o nel futuro; come potrebbe essere impegnata nel presente? È impossibile. Il presente si limita semplicemente a distruggere l’ego. Il presente spazza via tutto il pattume dalla tua mente, ogni sorta di spazzatura. Ti lascia semplicemente aperto, disponibile, vulnerabile, ricettivo. Eccitato, estatico, questo è vero, ma privo di occupazione.

Questa è la via della meditazione: confrontarsi con il presente in tutta la sua incredibile bellezza, essere semplicemente nel presente. All’interno, la mente si ferma; all’esterno, il mondo cambia totalmente. Non è più il mondo ordinario che hai conosciuto in precedenza; in realtà, non l’hai affatto conosciuto!
All’improvviso in te iniziano a fiorire fiori di loto. Tutta la tua vita ha una qualità del tutto diversa; adesso, qualsiasi cosa tocchi diventa d’oro; e qualsiasi cosa vedi è semplicemente incredibile, sorprendente.

Tratto da: The White Lotus – Capitolo 9

 

ISTRUZIONI per la MEDITAZIONE

Ci sono alcune tecniche di meditazione che si possono praticare solo stando in piedi, questa è una di quelle. Si basa sull’osservazione di Osho che un silenzio particolare sopraggiunge in te immediatamente, se stai in piedi, tranquillo; in quel caso, crei una colonna di energia interiore.
Questa è una tecnica che crea silenzio, centratura e un fluire dell’energia.
È chiamata:

SII UN PILASTRO DI ENERGIA

Provaci adesso, in un angolo della tua stanza.
Resta semplicemente in piedi in un angolo, senza fare nulla. Immediatamente il silenzio ti avvolgerà… all’improvviso anche l’energia si ergerà, dentro di te. Mentre sei seduto, avvertirai molti fastidi nella mente, perché stare seduti è una postura da pensatore; stando in piedi, l’energia scorre come una colonna ed è distribuita equamente in tutto il corpo. Stare in piedi è bellissimo.

Esistono alcune tecniche con cui “meditare stando semplicemente in piedi”. Provaci, potresti trovarlo bellissimo. Puoi farlo per brevi periodi di tempo; e se hai più tempo, allora puoi stare in piedi per un’ora, è semplicemente meraviglioso. Stando semplicemente in piedi senza fare nulla, senza muoverti, scoprirai che qualcosa dentro di te si acquieta, diventa silenzioso. Accade una centratura, e ti sentirai simile a una colonna di energia; il corpo scompare.

*

Abbiamo ancora tempo a sufficienza per fare pratica e assaporare tutto questo, proprio adesso. Se fino a questo momento non l’hai fatto, adesso alzati e stai in piedi, senza fare nulla. Resta semplicemente in piedi – ed esperimenta il silenzio… e permetti anche all’energia di alzarsi all’improvviso dentro di te.
Stando in piedi, l’energia scorre come un pilatro e si distribuisce equamente in tutto il corpo.
Esplora questo fenomeno, fino a quando senti tre suoni di cimbali che segnano la fine della meditazione odierna. Se hai più tempo a disposizione, ovviamente puoi continuare per tutto il tempo che vuoi.